Anatomia del tuo sito web

Quanto tempo hai speso per progettare i tuoi depliant?

Hai dedicato la stessa attenzione al tuo sito web?

Oggi ti spiegherò come analizzare il tuo sito web, in modo semplice e veloce, per capire cosa c’è che non va e come migliorarlo, anche se non hai alcuna competenza informatica.

Spesso, purtroppo, la realizzazione del sito web degli hotel viene interamente delegata al webmaster di turno, a cui non vengono date direttive precise, se non fare “un bel sito da non spenderci troppo”, ma lui di hotel e turismo potrebbe non capirne nulla e fare solamente un sito bello ma inutilizzabile al tuo scopo, cioè convertire i visitatori in clienti.

Questo accade perchè il titolare non ha nozioni informatiche e quindi si sente in dovere di non preoccuparsene più di tanto, perchè il suo lavoro è prendere prenotazioni (e può anche essere giusto), si limita quindi a rimediare qualche foto, il listino prezzi e per i testi “prendili da un altro sito”.

Ma andiamo con ordine.

Il fattore più importante: le foto

Hotel Corallo Riccione

Non è assolutamente facile farle, conviene affidarsi ad un professionista (guai a te se usi il cellulare), le puoi far fare ad un amico/parente solo se ha una reflex e le sa post-produrre, altrimenti spendere 500/1.000 € in un servizio fotografico è assolutamente la scelta migliore, avrai un ritorno d’immagine e di investimento ben maggiore.

Aspetta una bella giornata di sole, valuta se fare le foto la mattina o il pomeriggio a seconda dell’inclinazione della luce, e non dimenticarti di far comparire anche delle persone, l’effetto sarà completamente diverso rispetto ad un bureau o una piscina vuoti.

Provare per credere!

recepiton-bambina

reception-vuota

piscina

Spero che la tua attenzione non si sia concentrata troppo sulla photoshoppata di scarsissima qualità che ho fatto, ma sulla resa ben diversa che hanno il prima e il dopo.

Su questo tipo di “rapporto” punta molto l’Hotel Lugano Dante di Lugano, di cui ho conosciuto il titolare ad una conferenza l’anno scorso, prova a dare un’occhiata al suo sito per vedere concretamente quanto sia efficace, se ben svolto, questo tipo di comunicazione.

hotel lugano dante

Se il tuo hotel non ha molto da offrire, non ti preoccupare, usa foto della tua città, di un parco giochi, del mare/lago/montagna o di qualsiasi altro motivo che possa spingere un cliente a venire da te, perchè non stai vendendo camere, stai vendendo un’esperienza.

Un cliente non viene da te per stare in camera, ma per sciare, andare al mare, fare un’escursione, andare ad un evento o ad un parco divertimenti, punta tutto su questi fattori se la tua struttura non ha molto da offrire.

Paradossalmente colpisce molto di più un sito che ha la foto di un tramonto in spiaggia o dell’alba sul Monte Bianco, che non quelle di un grand hotel con piscina e idromassaggio in camera, perchè se vado in montagna o al mare, sarà più il tempo che passerò a sciare o in spiaggia che non in camera.

Il secondo fattore: la velocità

Già, puoi avere il sito più bello del mondo con delle foto spettacolari, ma se ci mette più di 5 secondi a caricare (in rete i secondi equivalgono alle ore), la maggior parte degli utenti fuggirà.

Non voglio andare troppo nel tecnico, che non è lo scopo del mio blog, ti consiglio semplicemente uno strumento da utilizzare per capire cosa migliorare all’interno del tuo sito, sarà poi il tuo webmaster a prendersi il “cicchetto” e a rimediare.

Come sempre ti viene in aiuto Google, questa volta con il suo servizio PageSpeed Insights, dove basta inserire l’indirizzo del tuo sito e Google lo analizzerà, dandoti un voto e segnalandoti cosa è fatto bene e cosa no.

Google PageSpeed Insights

A dire il vero, è una cosa che dovrebbe verificare chi ti ha fatto il sito prima ancora di metterlo online, ma si sa, non tutti fanno le cose per bene, e come albergatore dovresti essere abbastanza abituato a dire agli altri come fare il proprio lavoro, dico bene? 😀

Ok, adesso hai un sito veloce e delle foto che parlano da sole, cos’altro aggiungere?

L’arte del copywriting: scrivere per vendere

Copywriting

Ovviamente anche i testi hanno la loro importanza, ma non bisogna dilungarsi troppo, perchè “la gente non legge”, quindi utilizza gli elenchi puntati quando parli dei tuoi servizi, lascia solamente qualche paragrafo che descriva l’esperienza che vivrà il cliente quando soggiornerà da te, non soffermarti in modo prolisso a tessere le lodi del tuo hotel.

Devi trasmettere delle emozioni a chi legge, e anche in questo caso non sarebbe male affidarsi ad uno specialista di copywriting, alleggerirai il tuo webmaster di un lavoro non di sua competenza, facendolo fare a chi per mestiere scrive per vendere, non credo sia necessario sottolinearne i vantaggi.

Un esempio?

Esempio di Copywriting

Che dici, compreresti degli stivali di seconda mano o retro chic?

La differenza tra questi due annunci si fa molto più sentire tra un sito semplicemente descrittivo e uno orientato alla vendita, ti lascio indovinare quale dei due ti possa far raddoppiare il tuo fatturato!

Design responsive: scontato ma non troppo

Responsive design

Ormai lo danno tutti per scontato, ma non è sempre così, è bene che ti assicuri che il tuo sito sia responsive.

Sicuramente avrai già sentito questo termine ma di ben preciso non sai cosa significa, te lo spiego subito.

Innanzitutto responsive significa dinamico, ciò vuol dire che il sito si adatta alla dimensione della finestra in cui viene visualizzato.

Erroneamente viene associato alla versione per cellulari, ma in realtà lo scopo del design responsivo è essere fruibile su qualsiasi dispositivo a qualsiasi risoluzione.

Anni fa venivano fatte due versioni del sito, una desktop per i computer e una mobile per i cellulari/tablet, ma in questo modo si dovevano fare due siti separati, quindi il doppio della spesa, e ogni modifica andava fatta due volte, quindi il doppio del lavoro, assicurati che non sia ancora questo il tuo caso!

Per vedere se il tuo sito è responsive, basta aprirlo da computer e iniziare a ridimensionare la finestra, se rimane sempre leggibile, non ti devi preoccupare di niente, se invece le scritte e le immagini vengono tagliate, allora hai un problema.

Se preferisci fare un test più approfondito, indovina un po’ chi lo fa?

Esatto, Google.

Puoi eseguire il Test di compatibilità con dispositivi mobili e scoprire quanto è mobile friendly il tuo sito.

Convertire: da utente a cliente

Convertire utenti in clienti

La permanenza sul sito di un hotel è molto bassa, in media vengono visitate 2-3 pagine, il cui tempo di visualizzazione è inferiore al minuto, quindi mediamente un utente rimane sul tuo sito circa 2 minuti.

Alla luce di questo, mi sembra doveroso sottolineare la necessità di non fargli perdere tempo a districarsi tra mille menù e sottosezioni, limitati ad un menù semplice con le voci: camere – prezzi – offerte/prenota subito – dove siamo – contatti, al massimo un’altra pagina dedicata alle informazioni sul territorio o ai punti di interesse della tua zona.

La pagina dei prezzi è la più visitata, tienine conto quando decidi come progettarla, e soprattutto evita di mettere il listino in favore del widget “Prenota ora“, ovvero quell’immagine o componente grafico che rimanda alla prenotazione online sul tuo booking engine, perchè ce l’hai vero il booking engine?

Se non ce l’hai, aspetta il mio prossimo articolo in cui ne parlerò.

prenota-ora

Questo widget deve essere presente nella homepage e in tutte le altre pagine del sito, in modo che non appena hai convinto l’utente a prenotare, con le tue foto mozzafiato e i testi di un maestro del copywriting, gli basterà un click per confermare, altrimenti rischierai di perdere l’attimo e farlo vagare per il tuo sito finchè non perde la pazienza e se ne va.

Hai mai pensato a quante prenotazioni puoi aver perso in questo modo?

Lo stesso discorso vale per il modulo di richiesta informazioni, deve essere presente in tutte le pagine, perchè ci deve sempre essere un modo immediato per poterti contattare e/o prenotare, non basta il link alla mail in cima o in fondo alle pagine, perchè non tutti hanno un client di posta installato sul proprio cellulare/tablet.

Ti consiglio inoltre di non richiedere troppe informazioni, l’ideale è solo l’email e il messaggio, al massimo puoi aggiungere il nome, ma sappi che ogni campo in più, disincentiva esponenzialmente le persone a compilarlo.

Assolutamente vietati i captcha, ovvero quei sistemi di sicurezza che ti obbligano a riscrivere le parole di un’immagine confusa. Servono per verificare che tu sia un essere umano e non un bot, ovvero quegli automatismi che ti bombardano di finte richieste, ma a fronte di qualche mail di spam, è sempre meglio agevolare gli utenti umani.

Quante volte ti è capitato di perdere la pazienza con uno di questi affari?

Captcha

Giusto un po’ di SEO

Seo

Apro una piccola parentesi sulla SEO, acronimo inglese di Search Engine Optimization, ovvero ottimizzazione per i motori di ricerca, piccola parentesi perchè il discorso è molto ampio e tecnico, soprattutto non di tua responsabilità.

Tra le cose che puoi fare, è avere una sezione in cui parli approfonditamente del tuo territorio e dei luoghi di interesse vicino a te, a differenza di tutto il resto del sito, qui puoi dilungarti quanto vuoi, per 3 motivi:

  1. Chi legge ha veramente interesse nel sapere tutto quello che c’è da vedere.
  2. Più scrivi, più dai l’idea di conoscere il tuo territorio e quindi infondi fiducia e autorità.
  3. Hai più possibilità di intercettare le visite di chi cerca informazioni sulla tua zona.

Se te la senti, puoi anche scrivere un blog.

Attento però, scrivere non è per niente facile, servono diverse conoscenze e soprattutto costanza, perchè come in tutto, inziare una cosa e lasciarla a metà è molto peggio che non iniziarla affatto.

Avere un blog rafforza ulteriormente i 3 concetti che ho appena citato ed è il miglior strumento per fare SEO, perchè aggiungeresti sempre nuovi contenuti al tuo sito (Google ne è felicissimo), aumentandone il valore e scalando le posizioni nella SERP, acronimo di Search Engine Result Page, ovvero pagina dei risultati del motore di ricerca.

Se analizzi la SERP di una ricerca di hotel, noterai che i primi 4 annunci hanno la scritta  Ann.  di fianco, significa che sono annunci a pagamento, sono i pay per click di Google AdWords, continuando subito sotto, vedrai la piantina con altri 3 risultati di hotel.

Serp

Ciò significa che prima di arrivare ai risultati organici della ricerca (quelli non a pagamento basati sulla SEO), l’utente deve fare parecchia strada, e quasi sempre si ferma prima o al massimo arriva al terzo risultato.

Dato che il posizionamento nella ricerca organica tramite SEO è un processo lungo e faticoso, valuta bene quanto vuoi spenderci (sia in soldi che in tempo) e magari investi in pay per click di AdWords per avere dei risultati immediati e ad inizio pagina.

Quindi, ricapitolo i punti per avere un sito perfetto:

  • Foto
  • Velocità
  • Copywriting
  • Design responsive
  • Conversione
  • SEO

Eh, ma quanto mi costa tutta questa roba?

Tanto.

Ma quanto vale?

Molto di più.

Se fai realizzare ogni aspetto che ti ho spiegato da uno specialista del rispettivo settore (fotografo, copywriter, grafico, webmaster, seo specialist) puoi arrivare a spendere anche 5.000 €, ma avrai la certezza matematica che un sito fatto a regola d’arte ti restuirà 5.000 € di prenotazioni in molto meno tempo di quello che immagini.

Che aspetti allora, corri a controllare il tuo!

Se vuoi, io sono qua a disposizione per analizzarlo e darti le indicazioni giuste.

Commenti

Lascia un commento